Perù

Alluvioni in Perù, il bilancio finale dei danni e la raccolta fondi di Dokita

Continua la raccolta fondi per aiutare le persone che hanno perso tutto durante le alluvioni in Perù. I bambini e le famiglie sostenute con i progetti di Dokita sono in salvo.

Le forti piogge che hanno devastato il Perù nelle scorse settimane sono finite ma l’emergenza continua. Secondo i dati ufficiali del Centro de operaciones de emergencia national, 90 persone hanno perso la vita, mentre 860mila hanno subito danni alle proprie abitazioni. Il bilancio finale conta più di 14mila case distrutte, 40 scuole e 13 centri sanitari cancellati. Sono state danneggiate le fognature e le infrastrutture per l’erogazione di acqua e energia elettrica. La rete viaria è distrutta per un’estensione di oltre 16mila chilometri e questo rende ancora difficili gli spostamenti. Le famiglie che vivono lungo i fiumi straripati sono state le più colpite: attualmente sono costrette a dormire all’aperto senza poter accedere all’acqua potabile. Il rischio è che si possano diffondere epidemie ed infezioni

Dokita ha deciso di avviare una raccolta fondi straordinaria per aiutare la popolazione.  La nostra cooperante Angela Castañeda Ponce ha visitato le aree colpite per portare immediati aiuti. Tutti i bambini  e le famiglie sostenute tramite il sostegno a distanza e il progetto  S.O.S. Niños stanno bene e sono in salvo.  Dokita sta inoltre collaborando con il COIPE (Organizzazione delle ONG italiane in Perù) per coinvolgere tutte le ONG italiane presenti nel paese, coordinare un intervento organico ed avviare un piano di emergenza.

SOS NIÑOS, AIUTIAMO I BAMBINI DEL PERÙ A CRESCERE SANI

Progetto finanziato al

26%

IL CONTESTO

In Perù Dokita è presente in una realtà molto particolare: la valle di Santa Eulalia, che si estende per circa 50 km e comprende una ventina di villaggi sparsi tra le montagne circostanti che raggiungono i 4500 metri di altitudine. I ventidue villaggi della valle non sono dotati tutti di strutture scolastiche e, spesso, alcuni di essi condividono una scuola che di regola si trova fuori dal centro abitato in un punto strategico. Alla difficile accessibilità per via delle lunghe distanze si somma il problema linguistico. Infatti, la popolazione della valle è di origine india e tutt’ora usa il dialetto guaranì per comunicare.

IL PROGETTO

Dokita da anni porta avanti un programma di sostegno all’infanzia che comprende diversi progetti finalizzati ad assicurare il diritto all’istruzione e l’accesso ad un’alimentazione sana per i bambini della Valle di Santa Eulalia.  I bambini assistiti ricevono un sostegno integrale che include:

  • La distribuzione di materiale scolastico;
  • Azioni di sostegno allo studio e recupero scolastico;
  • Messa a disposizione di abiti e cibo.

L’ultimo punto costituisce un elemento indispensabile del programma. Infatti, il supporto nutrizionale è fondamentale per promuovere lo studio fra i bambini e favorire la frequenza scolastica. Non solo, la distribuzione dei pasti fa sì che i bambini siano maggiormente motivati a frequentare la scuola così come gli stessi genitori sono stimolati a non ritirare i bambini da scuola.

Beneficiari nel 2016: Principali finanziatori nel 2016: 
250 bambini tra i 5 e 10 anni  > Sostenitori Privati

Sostieni il progetto

INFORMAZIONI CAMPAGNA

: Minori, Perù
: In corso
: Alimentazione, Bambini, Cura, Educazione, Istruzione, Minori, Perù, Sostegno, Supporto nutrizionale, Supporto scolastico

CAMPAGNE COLLEGATE

MUSICARE, PERCORSI DI EDUCAZIONE MUSICALE

Progetto finanziato al

100%

IL CONTESTO

In Perù Dokita è presente in una realtà molto particolare: la valle di Santa Eulalia, che si estende per circa 50 km e comprende una ventina di villaggi sparsi tra le montagne circostanti che raggiungono i 4500 metri di altitudine. I ventidue villaggi della valle non sono dotati tutti di strutture scolastiche e, spesso, alcuni di essi condividono una scuola che di regola si trova fuori dal centro abitato in un punto strategico. Alla difficile accessibilità per via delle lunghe distanze si somma il problema linguistico. Infatti, la popolazione della valle è di origine india e tutt’ora usa il dialetto guaranì per comunicare.

Garantire istruzione ed inclusione è perciò un obiettivo primario affinché i bambini della zona possano avere migliori opportunità di vita quando saranno adulti.

In tale contesto Dokita porta avanti da diversi anni un programma di sostegno all’infanzia che comprende diversi progetti finalizzati ad assicurare il diritto all’istruzione e l’accesso ad un’alimentazione sana per i bambini della Valle di Santa Eulalia. Nel 2014 è stata ultimata la costruzione di un Centro di Formazione Professionale (Ideal) molto avanzato per offrire agli adolescenti corsi di formazioni di qualità.

IL PROGETTO

Il Centro Ideal, insieme alle altre strutture educative di Dokita nell’area, è divenuto un punto di riferimento principale per la formazione dei giovani della zona. Insieme ai corsi professionali Dokita ha deciso di avviare, a partire dal 2014 e con la collaborazione del Centro Culturale Musikrooms, anche un percorso didattico di educazione alla musica e all’ascolto rivolto ai bambini più poveri della Valle di Santa Eulalia.

Il progetto MUSICARE ha lo scopo principale di prevenire i rischi dell’esclusione sociale e dell’emarginazione offrendo un percorso alternativo che valorizzi il talento e le capacità artistiche dei bambini. Dokita, infatti, crede fermamente che lo sviluppo umano non passa solo ed esclusivamente nel soddisfacimento dei principali bisogni di base, ma anche nella crescita personale attraverso la promozione della cultura in ogni parte del mondo.

Il progetto prevede di allestire un laboratorio musicale dedicato allo studio della chitarra classica a favore dei bambini più poveri. Nello specifico, l’iniziativa comporta l’acquisto di chitarre classiche, corde, spartiti musicali, leggii, nonché la presenza di insegnanti qualificati.

BENEFICIARI: 250 bambini tra i 5 e i 10 anni

Sostieni il progetto

INFORMAZIONI CAMPAGNA

: Minori in difficoltà, Perù
: Finanziato
: Minori, Perù, Ascolto, Educazione, Emarginazione, Esclusione, Formazione, Musica, Musicare

CAMPAGNE COLLEGATE