INDIA

EMERGENZA NEL KERALA

È emergenza nel sud dell'India dove da metà agosto le piogge monsoniche hanno provocato inondazioni e danni per la popolazione.

Quest’anno le piogge monsoniche, che di solito cadono incessanti da giugno a settembre, sono arrivate l’8 agosto. Lo Stato del Kerala, situato nella parte meridionale dell’India è stato investito dalle violente piogge monsoniche che hanno inondato case e strade, fatto crollare ponti. Centinaia di villaggi sono stati spazzati via, circa 10mila chilometri di strade e migliaia di case sono state rase al suolo. Le zone più colpite sono i villaggi rurali, con abitazioni spesso costruite in paglia e legno.

Il caos senza precedenti causato dalle alluvioni ha provocato miseria infinita e devastazione.

Il bilancio delle vittime è di più di 400 morti ed è in continuo aumento. Le precipitazioni hanno provocato una catastrofe. Strade allagate, simili a corsi d’acqua, persone che tentano di ripararsi sui tetti, squadre di tutte le forze armate impegnate nelle operazioni di soccorso. Migliaia di persone sono bloccate sui tetti delle proprie abitazioni senza cibo, acqua o servizi igienici. Molte zone del Kerala sono diventate come un unico grande lago.

Sono 1,4 milioni gli sfollati, molti ospitati in 3800 campi, che ora attendono di poter tornare nelle abitazioni sommerse, da dove l’acqua si sta lentamente ritirando, lasciando ovunque fango e detriti.

La Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione in India, è presente con diverse strutture situate nel Kerala. Si tratta di strutture di accoglienza per circa 400 ragazzi che non sono autosufficienti, con disabilità intellettive e psichiche, di scuole primarie e secondarie, di centri post universitari per fornire istruzione e formazione di alto livello. La CFIC inoltre sostiene numerose famiglie e comunità che si trovano nei 14 distretti del Kerala. Tutte le comunità della Congregazione e i confratelli che studiano in luoghi diversi sono al sicuro e sani ma moltissime case sono sott’acqua e i membri delle famiglie di trovano nei campi profughi.

“La macchina del governo sta cercando di combattere con le forze della natura: battaglioni militari, forze del governo dello stato e ONG sono attivamente impegnati nel salvare la vita della gente in questo momento. In seguito, i governi, sia al centro che nello Stato, dovranno impegnarsi nel lavoro di riabilitazione delle persone colpite. Tutta la comunità è in prima linea per dare soccorso con cibo, vestiti denaro e riparo. Ma purtroppo l’aiuto finanziario e materiale fornito non è sufficiente ed è inadeguato a compensare le gravi perdite. In India c’è bisogno di tutto l’aiuto e il sostegno possibile per alleviare le sofferenze e ricostruire lo Stato.”

Questa è la richiesta che il Superiore Generale della CFIC in India P. Saji Muthirenthickal, ha inviato a noi di Dokita e a tutti i nostri sostenitori.

Lo stato del Kerala ha bisogno del nostro aiuto, insieme possiamo fornire un aiuto concreto a tantissime persone in difficoltà.

Non possiamo lasciarli soli in questo momento difficile. Aiutaci con una donazione!

€20 €30 €90 €150 Offerta libera

Bonifico bancario

Per donazioni a favore dei nostri progetti in Italia e all’estero
c/c n. 1058 su Banca Prossima intestato ad Ass. Volontari Dokita onlus
IBAN: IT 36 Q 03359 01600 100000001058

 

Bollettino postale

Per donazioni a favore dei nostri progetti in Italia e all’estero
ccp n. 22445001  intestato ad Ass. Volontari Dokita onlus

Ogni anno, nel mondo, la vita di milioni di persone è messa in pericolo da conflitti armati, disastri naturali o epidemie sanitarie. Intere popolazioni, sono costrette ad abbandonare le proprie case, i loro beni e affetti. In questi contesti di emergenza, le persone colpite, vengono private dell’accesso ai beni essenziali, come l’acqua e la salute, e ciò può portare, anche nel breve periodo, all’insorgenza di malattie o carestie, che possono ulteriormente aggravare la situazione.

Dokita Onlus, dopo le prime fasi di risposta all’emergenza mirati a salvare vite umane, opera nelle emergenze con una visione a lungo termine, incoraggiando la ricostruzione sia economica che sociale delle popolazioni colpite, apportando, non solo un aiuto umanitario, ma intervenendo sulle cause che hanno determinato la catastrofe o il conflitto.

Dokita si impegna a informare i sostenitori sull’utilizzo dei fondi raccolti in modo da garantire: trasparenza finanziaria,utilizzo etico dei fondi, efficienza e la trasparenza della comunicazione.