TUTTI UGUALI
/
CAMPAGNA 2018

Perchè una campagna per i bambini disabili del Camerun?

C’è un posto nel sud del Camerun, a Sangmelima, dove con cura e dedizione si lavora tutti i giorni perché i bambini siano davvero “tutti uguali”, nonostante la disabilità, nonostante la miseria.

Si chiama Foyer de l’Esperance ed è un centro sanitario gestito dall’organizzazione umanitaria Dokita Onlus che ogni anno accoglie e cura, con terapie mediche e riabilitative, ma anche con affetto e calore umano, oltre 6.000 bambini e ragazzi con disabilità.

La responsabile della struttura è Suor Laura Figueroa, infermiera missionaria della Congregazione delle Figlie dell’Immacolata Concezione e controparte locale di Dokita da oltre trent’anni, punto di riferimento per migliaia di bambini “speciali”.

Essere un bambino disabile in questo Paese significa nella maggioranza dei casi non avere alcuna possibilità di recupero né accesso all’istruzione ed essere quindi condannato a un futuro di emarginazione e abbandono. Le strutture sanitarie in grado di assistere i ragazzi con bisogni speciali, infatti, sono pochissime e molto costose. Spesso, inoltre, sono le famiglie stesse ad allontanare i bambini disabili sia per mancanza di risorse economiche sia per retaggi culturali.

Proprio per dare risposta alla scarsità di assistenza sanitaria per questi bambini in Camerun, più di 35 anni fa Dokita ha dato vita a diversi centri specializzati.

Obiettivi della campagna

La campagna ha l’obiettivo fondamentale di raccogliere fondi  per sostenere le attività di Dokita a favore dei bambini con disabilità in Africa.

Dokita Onlus è fortemente presente in questo settore di intervento sia rispetto al numero dei beneficiari assistiti fino a oggi sia in termini di strutture supportate. Nonostante ciò la domanda di aiuto da parte della popolazione disabile locale è sempre più incalzante: in Camerun il 23% delle persone di età compresa tra i 2 e i 9 anni vive con almeno un tipo di disabilità insorta, nella maggior parte dei casi a causa di malattie come polio, malaria, lebbra e morbillo.

A seguito delle attività già intraprese negli anni passati il progetto del 2018 prevede di continuare a fortificare il Foyer de l’Esperance gestito da Suor Laura Figueroa. In particolare il progetto sarà finalizzato a potenziare le attività di accoglienza del Centro con l’obiettivo principale di favorire e promuovere l’assistenza sanitaria e fisioterapica per oltre 1.000 persone con disabilità residenti nelle zone oggetto dell’intervento. Attraverso il progetto descritto si intende offrire assistenza residenziale ai minori con disabilità motoria, supporto scolastico e riabilitazione fisioterapica.

Obiettivi specifici

Assistere 200 persone con disabilità mediante trattamenti fisioterapici e dotazione di eventuali ausili
Inserire 60 bambini in percorsi di supporto scolastico (istruzione primaria)
Assistere 800 persone con disabilità tramite attività di RBC (Riabilitazione su Base Comunitaria)
Svolgere un servizio di ricognizione e presidio medico dei villaggi rurali nei Dipartimenti di Dja e Lobo.

SOSTIENI CON UNA DONAZIONE

Puoi sostenere il programma disabilità di Dokita anche con una donazione con carta di credito on-line. Compila il form e invia la tua donazione. Grazie!

FONDI RACCOLTI

€ 5.000

DONA ORA

€20 €30 €90 €150 Offerta libera