fbpx

CAMERUN

Dokita operates in Cameroon from 1970 with projects of health education, literacy, rural development, physical and social rehabilitation of persons with disabilities and the protection of ethnic minorities.

After the first plans to offer support for the survival and the self-development of the population pigmy ethnic Baka behind the rainforest equatorial, Dokita has placed his attention on the weaker sectors of the population, working in close collaboration with the local association Promhandicam-Association.

In particular have been developed projects dedicated to the recovery of persons with disabilities, through the reception, rehabilitation and prevention socio-health, launching rehabilitation centers fisionterapica, Purchase of sanitary facilities and vocational training and physiotherapy.Also, since over ten years, Dokita supports 3 reception centers daytime residential and managed by the missionaries of the Congregation of the sons of the Immaculate Conception:

Foyer Père Monti – Ebolowa
Foyer de l’Esperance – Sangmelima
PROHANDICAM Center – Youndè

Over the years has been widened to include the offer of activities delivered and to improve the capacity and the autonomy of adults and children in their daily activities, facilitated the integration of children in schools, promoted the removal of barriers socio-cultural and legislative and brought forward awareness-raising activities for the community and local institutions.

In 2017, finally, Dokita has launched a project for training in tailoring to young women, in the city of Sangmelima, with the aim of tackling the problem of the strong gender inequality that in educational opportunities and work and the consequent economic dependence and socio-cultural development of women.

 

Con oltre 20 milioni di abitanti, il Camerun presenta una straordinaria varietà sotto ogni aspetto: paesaggistico, climatico, agricolo, linguistico e religioso; questa caratteristica gli è valsa il titolo di Africa in miniatura e costituisce la ricchezza potenziale del Paese, insieme a una posizione geopolitica privilegiata rispetto agli altri Stati del continente. Purtroppo, però, una grave crisi politico-economica ha compromesso la situazione per anni e la ripresa appare ora molto lenta.

Dopo essere diventato colonia tedesca nel 1884, il Camerun si è proclamata Repubblica Unita del Camerun nel 1972 e Repubblica del Camerun nel 1984. Tra la metà degli anni Ottanta e la fine degli anni Novanta, il Camerun è stato vittima di una forte crisi economica, risultata dalla concomitanza di più fattori: dai condizionamenti internazionali alla siccità, dalla caduta dei prezzi del petrolio alla corruzione e alla cattiva gestione. La situazione non è migliorata col tempo: nel 1998 il Camerun è risultato il Paese più corrotto al mondo secondo Transparency International, cosa che ha portato alla formazione di un apposito organismo anti-corruzione.

In generale, il Camerun gode di una certa stabilità politica e sociale rispetto agli altri Paesi africani, poiché nel corso della sua lunga storia non ha mai subito un colpo di stato o un rovesciamento violento del potere. Tuttavia, nonostante lo sviluppo diffuso, che ha coinvolto l’agricoltura, le strade e l’industria del petrolio e del legname, c’è oggi un’alta percentuale di camerunensi che vive in condizioni di estrema povertà.

PROGETTI IN CORSO